Elettrico ed elettronico

Anche in questo settore l'utilizzo della plastica è indispensabile. I designer preferiscono  le materie plastiche per i loro vantaggi, in termini di prestazioni, che contribuiscono ad un uso efficiente delle risorse: riduzione del peso, miniaturizzazione, isolamento elettrico e termico. La plastica è robusta, flessibile e facile da sagomare. Dai semplici cavi agli apparecchi domestici, dai telefoni cellulari ai lettori DVD, una parte significativa dei moderni apparecchi è costituita da materie plastiche. Molti degli ultimi sviluppi tecnologici nel settore dell’elettrico ed elettronico si avvalgono delle materie plastiche di ultima generazione, con il risultato che i dispositivi divengono sempre più piccoli e leggeri (un buon esempio di come fare di più sprecando meno risorse!).
  • Plastica e innovazione
    L’innovazione per le applicazioni elettriche ed elettroniche che migliorano la nostra qualità di vita, preservando e proteggendo nel contempo le risorse, continuerà a contare sulla plastica. Un esempio: gli schermi piatti LCD (liquid crystal display) fatti di plastica a cristalli liquidi risparmiano energia giorno dopo giorno utilizzando il 65% in meno di corrente rispetto ai normali schermi a tubo catodico! I comandi touch-screen nel telefoni sono creati con film di policarbonato. È possibile fare in modo che i polimeri immagazzinino cariche elettriche; chiamati "eletteti”, sono l’equivalente dei magneti e possono essere utilizzati nella fabbricazione di microfoni. Essendo insensibili agli urti meccanici e alle radiazioni elettromagnetiche, sono ideali per i telefoni. Questo li rende più affidabili ed economici degli equivalenti microfoni a condensatore.

  • Evoluzione del design dei prodotti
    In piccoli apparecchi come i telefoni cellulari, l’uso della plastica è aumentato proporzionalmente al numero dei diversi polimeri impiegati. Telefonini sempre più piccoli e leggeri sono resi possibili dall’uso della plastica.

  • Plastica nascosta
    Molte materie plastiche negli apparecchi elettrici ed elettroniche sono visibilissime, ad esempio nei telefoni, computer e televisori. Ma vi sono anche molte componenti in plastica nascoste alla vista, e sono quelle che forniscono l’infrastruttura di connessione. Quasi la metà della plastica utilizzata in questo settore serve per ricoprire cavi ed apparecchi elettrici. Le eccezionali proprietà di isolamento elettrico della plastica, unite alla sua robustezza, resistenza alle sollecitazioni, flessibilità e durata, la rendono ideale per fornire elettricità in modo sicuro ed efficiente.

  • Plastica vincitrice di premi
    La plastica è tradizionalmente impiegata dall’industria elettrica ed elettronica per le sue eccezionali proprietà isolanti. Nel 2000, i chimici Hideki Shirakawa e Alan MacDiarmid e il fisico Alan Heeger hanno vinto il premio Nobel per la chimica creando un polimero che può condurre elettricità! Le prestazioni del nuovo polimero sono equivalenti a quelle di certi metalli.

  • Il futuro della plastica
    Anche le batterie che alimenteranno i dispositivi di comunicazione del futuro potrebbero essere fatte di plastica. Una batteria realizzata a partire da polimeri capaci di condurre l’elettricità presenterebbe il notevole vantaggio di un’elevata potenza a peso ridotto. Certe plastiche hanno proprietà ottiche. Sono stati infatti sviluppati polimeri utilizzabili per la commutazione ottica e come interconnessione ottica a basso costo, proprio come le fibre ottiche possono facilitare il flusso dei dati su lunghe distanze. Mentre continua la ricerca per aumentare le distanze di trasporto dei dati, le abitazioni del futuro potrebbero essere cablate con cavi ottici di plastica.
  •  
  •  
  •